L’endocrinologia è quella branca della medicina che si occupa di indagare e di curare le patologie collegate alle ghiandole a secrezione interna, le ghiandole endocrine. Queste ultime producono degli ormoni che agiscono su altre ghiandole o su determinati organi. Allorquando il processo di produzione e del funzionamento degli ormoni non avviene in maniera corretta, si possono determinare delle disfunzioni o delle vere patologie.

Il malfunzionamento delle ghiandole endocrine può condurre a differenti disturbi, come l’osteoporosi, l’iper o l’ipotiroidismo, il diabete, la disfunzione erettile, i problemi di infertilità e complicanze nel periodo menopausale.

L’endocrinologo si occupa di curare alcune patologie in particolare quelle della tiroide (noduli tiroidei, ipertiroidismo, ipotiroidismo, tiroiditi acute e croniche), dell’ipofisi (diabete insipido, insufficienza surrenalica secondaria, ipogonadotropismo), delle ghiandole surrenali (il morbo di Addison, gli adenomi surrenalici secernenti e la malattia di Cushing); del pancreas (diabete di tipo 1 e 2), dell’apparato riproduttivo maschile (la disfunzione erettile, l’ipogonadismo, l’infertilità e i disturbi dell’eiaculazione); dell’apparato riproduttivo femminile, (la sindrome dell’ovaio policistico, l’amenorrea, le irregolarità mestruali, l’ipogonadismo, le complicazioni della menopausa e la galattorrea).

Altre malattie comuni e disordini spesso gestite dagli endocrinologi sono: la carenza di vitamina D e l’osteoporosi, la pubertà precoce o ritardata, l’irsutismo, i disordini della crescita (bassa statura o gigantismo), l’ipertensione da feocromocitoma e anomalie del livelli di colesterolo o di lipidi di sangue connessi con le malattie cardio-vascolari.