La nutrizione umana è la scienza che studia le interazioni della dieta con la crescita, lo sviluppo, la fisiologia, il metabolismo e la composizione del corpo umano. Essa consiste nel ruolo che ha la nutrizione negli individui sani e non sani, l’impatto della nutrizione sulla salute e sulle patologie e le interazioni tra dieta, individuo e ambiente circostante.

I medici specializzati in nutrizione, i biologi nutrizionisti ed i dietisti sono gli unici professionisti sanitari qualificati in grado di valutare, diagnosticare e trattare problemi nutrizionali in base alle attuali prove scientifiche. Sono gli unici in grado di ottimizzare e promuovere il mantenimento della salute, prevenire le malattie, facilitare il recupero dalla malattia, e aumentare l’efficacia dei trattamenti in stati patologici tramite la dieta o il piano alimentare. La consapevolezza e l’applicazione della nutrizione nella pratica medica ha un impatto molto importante sull’assistenza sanitaria della nostra società.

La malnutrizione in tutte le sue forme è strettamente collegata, direttamente o indirettamente, a moltissime patologie che sono causa di morte e “disabilità” in tutto il mondo. A livello globale, nel 2011 circa 101 milioni di bambini sotto i 5 anni erano sottopeso e 165 milioni di persone rachitiche. Allo stesso tempo, circa 43 milioni di bambini sotto i 5 anni erano sovrappeso o obesi. Nel 2008, il 35% degli adulti di età pari o superiore a 20 anni erano sovrappeso. La prevalenza mondiale dell’obesità è quasi raddoppiata tra il 1980 e il 2008.

La nutrizione è un fattore di massima importanza nel promuovere e mantenere un’ottima salute durante tutto il corso della propria vita. Il suo ruolo nelle malattie croniche non comunicabili è ben consolidato e quindi occupa una posizione di rilievo nell’attività di prevenzione.

Le malattie croniche legate all’alimentazione e alla nutrizione includono obesità, diabete, malattie cardiovascolari, cancro, osteoporosi e malattie dentali. Il peso delle malattie croniche sta rapidamente aumentando in tutto il mondo. Quasi la metà del totale delle morti per malattia cronica è attribuibile a malattie cardiovascolari; obesità e diabete mostrano anche tendenze preoccupanti, non solo perché già colpiscono una larga parte della popolazione, ma anche perché vengono diagnosticate in età precoci.

Mentre l’età, il sesso e la suscettibilità genetica non sono modificabili, molti dei rischi associati all’età e al sesso sono modificabili. Tali rischi includono fattori comportamentali (ad es. regimi alimentari errati e sbilanciati, inattività fisica, consumo di tabacco, l’alto consumo di zuccheri ed il consumo di alcol); fattori biologici (ad es. dislipidemia, ipertensione, sovrappeso, iperinsulinemia etc.).

La scienza della nutrizione umana ormai è nota da molti anni e la dieta svolge un ruolo chiave come fattore di rischio per le malattie croniche, specialmente nei paesi industrializzati, dove la qualità della vita ed i ritmi quotidiani molto stressanti hanno contribuito all’aumento di queste patologie negli individui.

E’ strettamente necessario oggi ricorrere all’aiuto del professionista specializzato nella scienza della nutrizione umana, sia quando si tratti di individui sani, tra i quali i bambini, le donne in gravidanza e gli sportivi (che necessitano ognuno di trattamenti diversi e molto personalizzati) per la prevenzione di determinate patologie, sia per gli individui dove le patologie sono state già diagnosticate.